Vai alla barra degli strumenti
TU, DAL BUCO DEL CULO ROTTO.
TU, DAL BUCO DEL CULO ROTTO.

TU, DAL BUCO DEL CULO ROTTO.

Nuda alla finestra, tutti non lo sanno ma, io lo so, io sono sicuro che il tuo culo è rotto, chi lo ha scopato sapeva che, era come il burro, aperto a nuovi dolori e, nuovi orgasmi. Tu sei con le tue gambe aperte ed io che ti lecco la fica, si, la mia lingua strofina il clitoride, lo sfreggia, lo morde, lo vuole, si prende tutta la carne che gli dai, si prende tutto il succo che puó dare, e tu sei immensa, tu sei un pozzo senza fine, tu hai tanto ma, non lo vuoi mostrare. Ti lecco per tanto tempo, dimentico il mondo, ho spento pure il telefono, ho staccato con la vita che faccio, ho infilato le dita dentro la tua passera, dita, saliva e, hai preso un vibratore, comprato online. Il vibratore nel buco del culo e, le dita dentro la fessura, la lingua che ti sta scopando.Gemiti, ti sento venire tante volte ma, io non mi fermo, sono abituato ad andare in fondo, ho rischiato di morire per difendere le mie ide profonde, non sempre condivise, perche la condivisione propone orgie di pensieri che non tutti sono liberi di pensare o provare. Fuori sempre il solito clima, scuro per coprire te e me, che questo peccato non ci sará perdonato.Lui ti aspetta ed io, sono dentro le tue gambe e, tu preghi dio che io smetta. Tolgo il vibratore dal tuo buco rotto, lo lecco e ti guardo, non faccio sconti alle mie prede. Ti metti alla pecorina, due gocce di lubrificante, lo passo per il contorno del buco del culo, inserisco un dito, poi due e, la mia cappella calda, lentamente ma, non dici niente, ansimi piano e, mi inciti di metterlo tutto dentro. Ho visto tanti culi rotti ma, il tuo culo é illegale, dio mio, sei calda, riesco a pure ad infilarci le palle, é aperto al massimo, mamma mia che meraviglia, se penso ai litri di sborra che si sono svuotati mi, viene ancora piu duro. Continuo a scoparti il culo, ti faccio delle domande, mi piace sapere del tuo passato, mi piace sapere come ti scopavano nei bagni, come venivano dopo cinque minuti, perche con un culo cosi, non si puo di piu. Hai ripetuti orgasmi, la mia voce, i colpi, le vibrazioni, le parole, le mia mani che stringono i fianchi. Io ti assolvo, ma non posso stare senza di te, il tuo buco del culo, é arte e, tu sei la dama che ispira. Fammi sborrare dai, la mia sborra é bollente, la mia sborra é calda, la mia sborra é la tua acqua santa. Si dai, sborro dentro, fammi sborrare dentro il tuo buco del culo, ne ha presa a litri, la mia ci deve essere pure, non provi dolore ma, insieme a me, tu vieni insieme, il tuo orgasmo vaginale anale, mi da contrazioni, dio mio cosa sei. I corpi sostano in questa posizione per pochi minuti, il mio cazzo diventa sempre piu piccolo e tu, corri in bagno. Ogni notte é un peccato, ma, non scoparti il culo é, un grave peccato. LA MIGLIORE SCOPATA ANALE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: